Prosumer e consumatore digitale

Prosumer: il Comportamento del Consumatore si evolve

Chi è il Prosumer? Come si è evoluto il comportamento del consumatore con l’avvento delle tecnologie digitali?

Parliamoci chiaramente. Le nostre scelte d’acquisto hanno subito una fortissima influenza con la diffusione, a macchia d’olio, dei motori di ricerca e dei social media. Chi più, chi meno, siamo tutti un po’ dei consumatori Prosumer.

Di seguito ti propongo una panoramica sull’evoluzione del comportamento del consumatore odierno. Per facilitarti nella lettura sentiti libero di usufruire dell’indice che vedi di seguito. Buona Lettura!

ps: a questo link https://amzn.to/2V7Rocj trovi i Migliori Libri sul Digital Marketing del momento!

Prosumer: Traduzione

Ma cosa significa esattamente Prosumer?

Forse per comprendere a pieno il suo significato, possiamo rifarci alla sua Traduzione.

La Traduzione di Prosumer, in realtà risulta un po’ difficile. Questo termine, come il buon vecchio Wikipedia ci suggerisce, è una “Parola Macedonia“, ossia un termine caratterizzato dalla fusione di due parole. Infatti, Prosumer è la fusione tra il termine Producer (Produttore in Italiano) ed il termine Consumer (Consumatore).

Quindi se lo volessimo tradurre in Italiano, Prosumer starebbe per “Consumatore co-produttore”.

Da ciò possiamo dedurre che il Prosumer è un consumatore che, nelle varie fasi che caratterizzano il suo processo di acquisto, partecipa attivamente alla creazione del prodotto/servizio da lui desiderato.

Forse non ci hai mai pensato, ma probabilmente anche tu in qualche occasione ti sei comportato da Prosumer, più che da semplice consumatore.

Cerchiamo di capire perché.

I consumatori odierni  (di cui fai parte anche tu sappilo!), grazie  alla navigazione sui motori di ricerca ed alla partecipazione a forum, blog e social network , sono estremamente informati e capaci di comprendere la veridicità delle informazioni che circolano sulla rete.

Noi consumatori di oggi siamo, in un certo senso, “Educati all’acquisto”. Non subiamo passivamente la pressione commerciale dettata dai grandi brand, ma decidiamo e scegliamo liberamente a chi rivolgerci.

Le imprese questo lo sanno bene, per cui cercano di fidelizzare i propri clienti con efficaci strategie di CRM e di Marketing. Se può interessarti, in un altro articolo ho cercato di spiegare dettagliatamente Cos’è il CRM.

Afferrata la Traduzione di Prosumer, ora cerchiamo di capire insieme chi è l’utente Prosumer e come si è evoluto il comportamento di noi consumatori con l’avvento  del digitale.

Prosumer: il comportamento del consumatore prima dell’acquisto

Prosumer, il comportamento del consumatore prima dell'acquisto

L’ Utente Prosumer interviene attivamente fin dalle fasi iniziali del proprio processo d’acquisto. A passo con il web 2.0, l’attuale consumatore assume un comportamento proattivo e partecipativo, che si traduce in piena autonomia decisionale.

Lo sapevi che le Tecnologie Digitali hanno portato anche ad un cambiamento nella Comunicazione aziendale? Ti invito a leggere il mio articolo sull’ Evoluzione della Comunicazione di Marketing nell’era Digitale!

Nelle fasi di pre-acquisto, l’utente online partecipa ai processi di raccolta delle informazioni  ed ai processi di comparazione dei beni, grazie ad una serie di applicazioni digitali.

In particolare, il Prosumer:

  • Valuta le caratteristiche tecniche-qualitative dei beni/servizi desiderati.
  • Confronta i prezzi dei prodotti grazie ai motori di comparazione.
  • Scopre gli stores fisici più vicini geograficamente che commercializzano i prodotti desiderati.
  • Ottiene ulteriori feedback e consigli, grazie alle recensioni che gli utenti online condividono sui marketplace.

Hai mai pensato che spesso tutto questo lo fai anche tu?

Quante volte ti è capitato di essere interessato ad acquistare un prodotto. Sei andato ad informarti delle sue caratteristiche tecniche, attraverso il sito del produttore/rivenditore oppure sui blog di settore. Hai posto domande all’interno dei forum di discussione oppure hai valutato attentamente l’opzione di acquistare o meno quel prodotto, previa un’attenta analisi delle recensioni (presenti su Amazon o su altri Marketplace). O ancora hai cercato qualche rivenditore offline nelle vicinanze, tramite Google Maps e altre funzioni di geolocalizzazione di Google.

A me personalmente è capitato spessissimo. Anzi, più è alto il valore del prodotto che desidero acquistare (tipo uno smartphone top di gamma), più mi trasformo in un Prosumer accanito  😆

Dunque, nelle fasi precedenti all’acquisto il consumatore assume un ruolo di protagonista, partecipando in prima persona alla raccolta di informazioni.

Ma cosa succede nelle fasi contemporanee all’acquisto?

Prosumer e Personalizzazione del Prodotto

Il Prosumer con la personalizzazione del prodotto si dinstingue come una mela rossa tra tante mele grigie

Il Prosumer è protagonista anche nella fase contemporanea all’acquisto, tramite la Personalizzazione del Prodotto.

Le tecnologie digitali permettono di mantenere viva la Centralità del Digital Customer.

Ciò è possibile grazie ad avanzati linguaggi di programmazione, che trasformano tradizionali siti di e-commerce in piattaforme digitali che facilitano “La Customizzazione dell’Offerta”.

Customizzare significa personalizzare un bene o un servizio in funzione delle esigenze del cliente

La tecnologia presente nelle avanzate piattaforme di e-commerce customizzatrici, consente al consumatore di diventare co-produttore del prodotto stesso. In questo senso, non è più l’impresa che personalizza il prodotto in relazione alle richieste specifiche della clientela, ma è il consumatore che, grazie a particolari funzioni offerte dal sito web, realizza il prodotto di cui necessita.

Vuoi un esempio pratico di Prosumer che personalizza il suo prodotto?

Se ancora non lo conosci, prova ad accedere a NikeID, il sito della Nike che ti permette di personalizzare a tuo piacimento la scarpa che desideri.

Premetto che non sto sponsorizzando assolutamente la Nike. E’ solo un modello di Sito Customizzatore secondo me fatto davvero molto bene, che ti può aiutare a capire il concetto di Prosumer.

Prosumer e la personalizzazione del prodotto Nike

Il procedimento di Personalizzazione è davvero molto semplice. Tu sei libero di scegliere qualsiasi modello della Nike, filtrando le varie tipologie di modelli per colore, per tecnologia o per materiale. Ma al contempo puoi anche scegliere un modello in tela bianca, personalizzando la scarpa completamente.

Selezionato il modello, ti basterà pigiare su “Modifica Design”. A quel punto davvero puoi modificare ogni minimo particolare della tua scarpa. Dal colore del baffo, alla fodera, dalla suola all’intersuola. E se ci tieni particolarmente, puoi anche scriverci del testo.

E una volta acquistato il prodotto? Il Prosumer che fine fa?

Prosumer: il comportamento del consumatore dopo l’acquisto

Il Prosumer genera contenuti tramite il web

Il protagonismo del Prosumer non scompare successivamente all’acquisto, anzi viene mantenuto vivo grazie ai contenuti che stesso gli utenti pubblicano sulla rete, circa le proprie esperienze d’acquisto e di consumo.

Si parla in questo senso di UCG (User Generated Content), che sta per “Contenuto generato dagli utenti”.

In seguito all’esperienza d’acquisto, il Prosumer può facilmente condividere con altri utenti connessi la propria esperienza, nei modi più svariati possibili. Commenti sulla pagina Facebook, commenti ai blog ed ai forum di discussione, video recensioni su YouTube, recensioni sui social marketplace, fotografie o immagini filtrate su Instagram o Flickr.

Ti è mai capitato di condividere la tua esperienza d’acquisto attraverso recensioni sui marketplace, consigli e pareri sui social o interventi nei forum di discussione? Beh in quel caso stavi generando dei contenuti che, direttamente o indirettamente, saranno andati ad influenzare le esperienze di acquisto di futuri consumatori.

La UCG si basa su un principio fondamentale,  quello secondo cui “Le persone amano collaborare”. Gli utenti online trovano piacere nel contribuire ad estendere una community, caratterizzata da un senso di appartenenza e di aggregazione intorno un specifico brand o prodotto. Non è un caso se esistono determinate piattaforme social, come YouTube che ha basato il proprio modello di business sulla User Generated Content.

In tale  piattaforma, gli utenti quotidianamente accrescono la community online grazie alla produzione di video, che consente al singolo utente di diffondere contenuti esprimendo la propria personalità. E YouTube premia i propri sostenitori, grazie a continui aggiornamenti della piattaforma, che, mediante nuove funzionalità, permettono la produzione di video di maggiore qualità.

Prosumer: il Processo decisionale di Acquisto

Il Prosumer e il processo decisionale di acquisto online

Il Prosumer rimane co-produttore di contenuti e di informazioni durante tutte le singole fasi che caratterizzano il processo decisionale d’acquisto.

Il consumatore online arriva ad effettuare una preferenza dopo aver attraversato una serie di fasi precedenti, contemporanee e post acquisto. Queste ultime conducono il consumatore a scegliere il prodotto/servizio desiderato condividendone l’esperienza all’interno dei canali online. Vediamo insieme le suddette fasi:

  • Il sorgere di un Bisogno. Questa è la fase iniziale in cui il Prosumer sente l’ esigenza di acquistare un bene/servizio, al fine di soddisfare un bisogno oppure risolvere un problema.

Supponiamo che ad un tuo amico si è danneggiato duramente lo schermo del suo smartphone. Questo evento può far sorgere in lui il bisogno di acquistare un nuovo cellulare oppure di risolvere il problema, facendosi riparare lo schermo rotto.

  • Ricerca di informazioni. È questa la fase che precede l’acquisto, in cui il Prosumer si informa sulle caratteristiche del prodotto, attraverso vari canali. Si Parla, in questo senso, di ZMOT (Zero Moment Of Truth)

Rifacendoci all’esempio precedente, il tuo amico, dopo aver deciso di acquistare un nuovo smartphone, è spinto a cercare informazioni all’interno dei blog di settore, gruppi di Facebook, forum, motori di ricerca, recensioni nei marketplace, videorecensioni su YouTube  e così via.

  • Scelta delle preferenze. In questa fase il Prosumer, dopo aver attentamente filtrato le informazioni precedentemente acquisite, seleziona più beni/servizi che riescono maggiormente a soddisfare il proprio bisogno.

Il tuo caro amico ha selezionato tre smartphone che fanno al caso suo, ma è ancora indeciso su quale scegliere. Il primo smartphone lo soddisfa in termini di prezzo, il secondo in termini di performance ed il terzo in termini di design.

  • Acquisto. È la fase in cui il Prosumer finalmente acquista il prodotto che lo soddisfa maggiormente. La scelta definitiva può essere influenzata da fattori emozionali, come la forza e il fascino che il brand ha sul consumatore. A questi si affiancano componenti razionali come un ottimo rapporto qualità/prezzo, la consegna rapida, condizioni post vendita favorevoli e così via.

Il tuo caro amico è un tipo emotivo e alla fine, nonostante l’indecisione, è la forza del brand che lo ha mosso a scegliere quel determinato smartphone.

  • Aspettativa vs Realtà. Il prosumer ha finalmente effettuato il suo acquisto e si aspetta che i suoi bisogni vengano soddisfatti a pieno. Una mancata o ridotta soddisfazione può portare il consumatore a non fidarsi più di quel brand e a generare un passaparola digitale negativo.

Il tuo amico finalmente sta usando il suo nuovo smartphone. Però si accorge che spesso va a scatti e non è fluido. Rimane soddisfatto solo parzialmente dell’acquisto effettuato. Forse, per il tuo amico, è il caso di essere meno emotivi le prossime volte?  😆 

Conclusioni

Se sei arrivato fin qui ti ringrazio vivamente perché implica che hai gradito il mio articolo  🙂 .

Oggi con le innumerevoli possibilità di interazione tra utenti online ed aziende si è dunque rafforzata la figura del “Prosumer”. Un soggetto dalla natura ibrida a metà tra il consumatore di un prodotto e il produttore dello stesso.

L’utente Prosumer acquista informazioni, personalizza il prodotto e diffonde contenuti, circa la propria esperienza d’uso, modificando direttamente o indirettamente le politiche di prodotto delle imprese.

Spero che con questo post sei riuscito a comprendere bene chi è il Prosumer, come si è evoluto il comportamento del consumatore odierno e come, in realtà, anche il tuo comportamento d’acquisto è cambiato 😎 .

Se hai apprezzato il lavoro che ho svolto, non esitare a condividere l’articolo di Sii Digitale sui tuoi canali social preferiti. A presto 😉 .

 

2 commenti su “Prosumer: il Comportamento del Consumatore si evolve”

Lascia un commento